Cinecitta’ World: il parco visto dall’interno

Finalmente possiamo mostrarvi alcune foto di Cinecitta’ World visto dall’interno. Il Parco ci ha invitati per la presentazione ufficiale della struttura e per mostrare al mondo come si presenta e cosa ha da offrire ai suoi futuri ospiti.

 
Già solo vedendolo da fuori si capiva abbastanza bene che il tutto era stato ben realizzato e accompagnato da tanta competenza e passione ma al suo interno le cose cambiano radicalmente, in meglio!
Evidentemente non siamo riusciti a farci un’idea precisa di come potesse essere perchè ci ha lasciati completamente a bocca aperta. Ma da farci cadere proprio le mascelle.
 
Non stiamo parlando solo di come si presentano le attrazioni, tutte di altissima qualità ed estremamente divertenti (i produttori principali sono la svizzera Intamin e la tedesca Mack Rides) ma anche e soprattutto delle scenografie che Dante Ferretti ha disegnato appositamente per Cinecitta’ World e che sono un qualcosa di splendido.
Persino le queue line, i percorsi dove si fa la fila per salire sulle attrazioni, sono ricche di dettagli, alcune realizzate dentro ad appositi edifici (quindi al coperto) altre nella vegetazione che simula la foresta.
 
Camminando all’interno del parco si nota molta cura nel dettaglio. Un esempio fra tutti è rappresentato dalle strisce dei carri in area Far West.
 
Le attrazioni che ci hanno invitato a provare sono Altair (chiuso per problemi), Erawan e Aktium.
 

Il roller coaster Altair

 
Cinecitta' World - Stazione Altair
 
Realizzato dalla svizzera Intamin, è la montagna russa con più inversioni di tutta Europa. Un vero e proprio record, considerando che siamo in Italia o, meglio, a Roma.
Alto 33 metri e lungo 875, raggiunge gli 85 km/h e consente di vedere il mondo sottosopra per ben 10 volte. Gli elementi delle varianti sono: Loop, Cobra Roll, Double Corkscrew, Quad Heartline Roll, Heartline Roll. Il coaster di punta di Cinecitta’ World non è di certo indicato ai deboli di stomaco, visto l’elevato numero di volte che va a testa in giù. Ottimo il carico orario che consente di far salire 1.200 persone l’ora. Ospitati all’interno di una grande astronave, la stazione e il percorso dove si fa la fila per salire sono un qualcosa di veramente gradevole.
 

Sua “altezza” Erawan, la drop tower

 
Cinecittà World stazione torre di caduta EraWan
 
Anche la torre è stata realizzata dalla Intamin, azienda assolutamente leader in questo settore.
La queue line si sviluppa lungo un percorso che simula una foresta per terminare all’interno di un bellissimo e gigantesco elefante, la stazione, anch’essa molto curata nel dettaglio. E’ da qui dentro che è possibile salire sulle gondole che vi porteranno a 60 metri di altezza.
La particolarità che distingue questa torre di caduta da quelle di altri parchi è la possibilità di scegliere due diverse tecnologie. La prima vi vede seduti nel modo classico, la seconda vi vede sorretti solo per il cavallo, mantendendo le gambe distese, come se foste in piedi. In entrambe le modalità, poco prima di arrivare in cima, lo schienale si reclinerà di alcuni gradi in avanti (come mostrato già nelle foto di questo articolo) obbligandovi a guardare il panorama prima della caduta, che si sviluppa per circa 50 metri; la frenata avviene davvero al limite.
 

Aktium il super splash

 
Cinecitta' World - Super Splash
 
Costruito dalla tedesca Mack Rides, proprietaria di Europa Park, in Germania, anche Aktium è un vero e proprio record, essendo il water coaster più lungo della Mack. Il percorso si sviluppa tra le rovine romane, con due salite, terminando con due splash in un bellissimo laghetto. L’acqua sollevata dall’impatto è davvero tanta e chi è nelle vicinanze non ne esce asciutto. L’unica nota dolente è dettata da una leggera carenza di scenografia lungo il percorso. Eccelsa, invece, la stazione di carico e scarico dei passeggeri, dotata di una delle queue line più belle.
 
Diversi i punti di ristoro presenti nel parco, che oggi non utilizzeremo e che recensiremo appena Cinecitta’ World avrà ufficialmente aperto a tutti, così come per gli spettacoli.
 
Tutta la filo diffusione, l’impianto audio in tutto il parco, è marchiato Bose, un nome, un prestigio e una garanzia nel suo campo.
 
Il primo impatto con Cinecitta’ World, visto dall’interno, finalmente, è molto buono e lascia trasparire la professionalità, la cura e la passione impiegata. La dirigenza ha intenzioni veramente serie e siamo sicuri che le belle sorprese non mancheranno.
 
In attesa di recensire il Parco in modo dettagliato, vi lasciamo a una piccola galleria fotografica. Ci rivedremo alla sua apertura al pubblico.
 
Guarda le foto del parco

Administrator

Scritto da Stefano Guerrieri

Sono un appassionato di parchi di divertimento praticamente da sempre. Mi piace sapere come funzionano le attrazioni,chi le produce,quanto costano e come vengono realizzate. Adoro le shot & drop Tower,tutti i Roller Coaster e le Dark Ride